Intervista dell’Avvocato Boscagli durante il programma “L’aria che tira” alla Sette in merito alla vicenda di RIta Caldara, madre della donna uccisa dal proprio marito davanti alla loro figlia di due anni.

La donna racconta la sua battaglia per avere giustizia e del timore di un’azione legale per la tutela della piccola, visto che l’uomo oggi è a piede libero. Ci racconta: “Aveva scatti di violenza incontrollabile, la condanna per omicidio involontario non ci tutela”. Con il parere di Paolo Crepet, psichiatra, e dell’avvocato Adriana Boscagli.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *